L’apparecchio dentale migliore per ogni situazione

Riallineare i denti con l'apparecchio ortodontico, una guida per tutte le età

Introduzione all’apparecchio ortodontico

L’apparecchio ortodontico rappresenta uno degli strumenti più rivoluzionari nel campo dell’odontoiatria e ha cambiato la vita di innumerevoli individui, aiutandoli a conquistare un sorriso armonioso e funzionalmente corretto. Dal punto di vista storico, la volontà di correggere la posizione dei denti risale a tempi antichi; tuttavia, è solo nel XX secolo che abbiamo assistito a notevoli avanzamenti nella progettazione e nell’efficienza degli apparecchi.

 

La finalità primaria di un apparecchio ortodontico è quella di riallineare i denti che possono crescere storti o affollati, oppure di correggere malocclusioni, ovvero problematiche nella chiusura e nel rapporto tra arcate dentarie superiori e inferiori. Questi problemi non riguardano solo l’estetica, ma possono anche influenzare la masticazione, la fonazione e persino la respirazione.

 

Molte persone associano l’uso dell’apparecchio esclusivamente al periodo dell’adolescenza, ma, in realtà, non c’è una specifica fascia d’età per iniziare un trattamento ortodontico. Sempre più adulti, consapevoli dell’importanza di un sorriso sano e armonioso, scelgono di avvalersi dell’apparecchio per migliorare la loro estetica dentale e la funzionalità orale.

 

Un altro aspetto fondamentale riguarda l’evoluzione dei materiali e delle tecniche. Con il progresso tecnologico, gli apparecchi ortodontici sono diventati più confortevoli, meno invasivi e esteticamente più gradevoli. Questo ha notevolmente ridotto l’impatto psicologico, soprattutto nei giovani pazienti, che spesso erano preoccupati dell’aspetto estetico durante il trattamento.

Quanti modelli di apparecchio esistono?

L’ortodonzia moderna offre una vasta gamma di apparecchi ortodontici, ognuno progettato per soddisfare esigenze specifiche e trattare vari tipi di malocclusioni o disallineamenti dentali. Ecco una panoramica dei principali modelli disponibili:

 

Apparecchio Mobile

 

Forma e Materiali: L’apparecchio mobile è composto da una base in resina che si adatta al palato, e da archi metallici che si posizionano intorno ai denti.

Funzioni: Utilizzato principalmente nei bambini e negli adolescenti, serve per effettuare correzioni minori, per mantenere lo spazio dopo l’estrazione di un dente da latte, o come fase di consolidamento post-trattamento con apparecchio fisso.

Uso: Può essere rimosso dal paziente per la pulizia e durante i pasti.

 

Apparecchio Fisso Tradizionale (di metallo)

 

Forma e Materiali: Composto da brackets metallici, che vengono cementati sui denti, collegati da un arco metallico e tenuti insieme da elastici o legature.

Funzioni: Indicato per correzioni complesse. L’apparecchio fisso esercita una pressione continua sui denti, guidandoli nella posizione corretta.

 

Una variante estetica di questo modello utilizza brackets in resina, meno visibili rispetto a quelli metallici, ma altrettanto efficaci.

 

Apparecchio Invisibile con Mascherine Trasparenti

 

Forma e Materiali: Realizzato in plastica trasparente biocompatibile, viene prodotto su misura per il paziente.

Funzioni: Indicato per correzioni di lieve entità o medie, l’apparecchio invisibile sposta gradualmente i denti attraverso una serie di mascherine che vengono sostituite ogni due settimane circa.

Uso: Il paziente può rimuovere l’apparecchio durante i pasti e la pulizia.

 

Apparecchio Allarga Palato (Disgiuntore Palatale)

 

Forma e Materiali: Apparecchio fissato al palato superiore con viti speciali.

Funzioni: Utilizzato principalmente nei bambini o adolescenti, serve per allargare l’arcata superiore, risolvendo problemi di palato stretto o di morso incrociato.

Uso: La tensione dell’apparecchio viene regolata periodicamente dal dentista o dall’ortodontista.

 

La scelta dell’apparecchio ortodontico più adatto dipende da diversi fattori, tra cui l’età del paziente, il tipo e la gravità del problema da trattare e le esigenze estetiche e funzionali individuali. Un ortodontista esperto sarà in grado di consigliare l’opzione migliore dopo un’accurata diagnosi e valutazione del caso specifico

Come funziona l’apparecchio ortodontico

Ecco una breve descrizione del funzionamento dei principali modelli:

 

Apparecchio Mobile:

L’apparecchio mobile agisce attraverso l’applicazione di una pressione delicata ma costante sui denti. La sua efficacia dipende in gran parte dalla collaborazione del paziente: deve essere indossato per il numero di ore prescritto al giorno (solitamente anche durante la notte) e può essere rimosso solo per mangiare e per la pulizia orale. Con il tempo, il dentista o l’ortodontista apporteranno piccole modifiche all’apparecchio per garantire il corretto movimento dei denti e progredire con il riallineamento.

 

Apparecchio Fisso Tradizionale (di metallo):

Questo apparecchio è formato da brackets fissati ai denti e collegati da un filo metallico. Questo filo viene regolato periodicamente per spostare i denti nella posizione corretta. La pressione esercitata dall’arco sulle staffe genera una forza che viene trasmessa ai denti, provocando il loro movimento.

 

Apparecchio Invisibile con Mascherine Trasparenti:

Il principio di funzionamento degli apparecchi invisibili è simile a quello degli apparecchi tradizionali, ma invece di utilizzare brackets e archi, si basa su una serie di mascherine trasparenti su misura. Ogni mascherina esercita una pressione specifica sui denti, sui quali vengono applicati dei pin di resina, e viene sostituita con la successiva in sequenza ogni 2 settimane circa a seconda della prescrizione. Ogni mascherina sposta i denti di una piccola frazione fino a raggiungere l’allineamento finale.

 

Apparecchio Allarga Palato (Disgiuntore Palatale):

Questo apparecchio ha l’obiettivo di espandere l’arcata superiore. È fissato al palato e utilizza viti che, quando vengono regolate, esercitano una pressione sul palato, stimolando una risposta osteoblastica che porta alla formazione di nuovo tessuto osseo al centro dell’arcata. Questo permette l’allargamento del palato e la correzione del morso incrociato.

 

In ogni caso, l’efficacia di un apparecchio ortodontico dipende non solo dalla tecnologia o dalla metodologia utilizzata, ma anche dalla competenza dell’ortodontista e dalla collaborazione del paziente.

Processo di applicazione dell’apparecchio dentale

L’applicazione di un apparecchio ortodontico richiede precisione e competenza. Sebbene il procedimento possa variare in base al modello scelto e alla specifica situazione del paziente, ecco una panoramica dei passaggi generali per ciascuno dei quattro principali modelli:

 

Apparecchio Mobile:

 

Visita di valutazione: Durante questa fase, l’ortodontista effettua un esame approfondito della bocca del paziente, prendendo impronte dentali e, se necessario, radiografie.

Preparazione dell’apparecchio: Le impronte vengono inviate a un laboratorio specializzato dove l’apparecchio mobile viene realizzato su misura per il paziente.

Applicazione: Una volta ricevuto l’apparecchio, l’ortodontista verifica che si adatti correttamente e fornisce al paziente istruzioni dettagliate su come indossarlo e su come curarlo.

 

Apparecchio Fisso Tradizionale (di metallo):

 

Pulizia e preparazione: Prima dell’applicazione, i denti vengono puliti e asciugati. Potrebbe essere applicato un gel per aumentare l’adesione dei brackets.

Posizionamento dei brackets: I brackets vengono fissati ai denti con una speciale colla.

Collegamento dell’arco: L’arco metallico viene inserito nei brackets e fissato con elastici o altre piccole attrezzature.

Regolazione: Durante le visite di controllo, l’ortodontista regola l’arco per spostare i denti nella posizione desiderata.

 

Apparecchio Invisibile con Mascherine Trasparenti:

 

Visita iniziale: Si effettua una scansione 3D dei denti o si prendono le impronte tradizionali. Questi dati vengono utilizzati per progettare la serie di mascherine.

Progettazione delle mascherine: Utilizzando la tecnologia CAD/CAM, vengono progettate diverse mascherine che guideranno i denti dalla posizione iniziale a quella finale.

Indossare le mascherine: Una volta realizzate, le mascherine vengono fornite al paziente con istruzioni specifiche su quanto tempo indossare ogni set.

 

Apparecchio Allarga Palato (Disgiuntore Palatale):

 

Valutazione iniziale: L’ortodontista esegue un esame completo per determinare la necessità di espansione dell’arcata.

Preparazione e applicazione: L’apparecchio viene realizzato su misura in base alle impronte del palato del paziente. Una volta pronto, viene fissato ai molari superiori.

Attivazione: L’ortodontista o il paziente stesso, secondo le istruzioni fornite, regola l’apparecchio attraverso la vite centrale, inducendo l’espansione progressiva del palato.

 

In ogni fase, è essenziale seguire attentamente le istruzioni dell’ortodontista e partecipare a tutte le visite di controllo programmate per garantire il successo del trattamento.

Cura e manutenzione del tuo apparecchio

Prendersi cura dell’apparecchio ortodontico è essenziale per garantire il successo del trattamento e mantenere una buona salute orale. La cura varia a seconda del tipo di apparecchio, ma l’obiettivo rimane lo stesso: mantenere la sua funzionalità e prevenire problemi dentali.

 

Con l’apparecchio mobile, è fondamentale una pulizia quotidiana. Dopo ogni pasto, è necessario rimuoverlo e sciacquarlo con acqua tiepida. Una volta al giorno, dovrebbe essere pulito con uno spazzolino e dentifricio, prestando attenzione a rimuovere ogni residuo di cibo. Bisogna anche evitare di esporlo a temperature elevate come l’acqua bollente, poiché potrebbe deformarsi. Quando non è in uso, l’apparecchio va conservato nella sua scatola protettiva per evitarne la rottura o la perdita.

 

Per chi indossa un apparecchio fisso tradizionale di metallo, la spazzolatura dei denti dopo ogni pasto diventa ancora più essenziale. Questo perché i residui di cibo potrebbero rimanere intrappolati nei brackets o sotto l’arco. L’uso del filo interdentale, seppur più complicato, è fondamentale per mantenere un’igiene orale ottimale. È anche importante evitare cibi particolarmente duri o appiccicosi come caramelle gommose, noci o pop-corn, poiché potrebbero danneggiare l’apparecchio.

 

Per coloro che utilizzano l’apparecchio invisibile con mascherine trasparenti, la pulizia delle mascherine stesse è fondamentale. Una volta rimosse, devono essere pulite con uno spazzolino e acqua tiepida, evitando dentifrici abrasivi che potrebbero opacizzarle. Prima di rimettere le mascherine, è essenziale assicurarsi di avere una buona igiene orale, spazzolando i denti e usando il filo interdentale per evitare la formazione di placca. Fumare o bere bevande colorate mentre si indossano le mascherine può causare macchie o ingiallimenti.

 

Infine, chi indossa un apparecchio allarga palato o disgiuntore palatale, deve prestare particolare attenzione alla pulizia attorno alla vite e ai molari dove l’apparecchio è fissato. È importante utilizzare uno spazzolino con setole morbide e fare attenzione a non giocare o regolare l’apparecchio senza specifiche indicazioni dell’ortodontista. Se l’apparecchio richiede una regolazione manuale, è fondamentale seguire le istruzioni fornite sulla frequenza e il metodo di attivazione.

 

In tutti i casi, la visita regolare dal proprio ortodontista è essenziale per monitorare i progressi del trattamento e garantire che l’apparecchio sia in buone condizioni.

Domande frequenti

Perché è necessario indossare un apparecchio ortodontico?

L’uso dell’apparecchio ortodontico è spesso consigliato per correggere malocclusioni o problemi di allineamento dei denti. Questi problemi possono non solo influire sull’estetica del sorriso, ma anche sulla funzionalità della bocca, causando difficoltà nella masticazione, usura anomala dei denti e potenziali problemi articolari. Indossare un apparecchio aiuta a portare i denti nella loro posizione ideale, migliorando sia l’aspetto che la funzionalità orale.

 

Quanto tempo dovrò indossare l’apparecchio?

Il tempo necessario per indossare un apparecchio ortodontico varia da paziente a paziente, a seconda della gravità del problema e del tipo di apparecchio scelto. Mentre alcuni trattamenti potrebbero durare solo pochi mesi, altri potrebbero richiedere diversi anni. L’ortodontista sarà in grado di fornire una stima basata sulle specifiche esigenze individuali.

 

L’apparecchio dentale causa dolore o disagio?

Quando un apparecchio viene applicato o regolato, è normale avvertire una certa pressione o disagio. Tuttavia, questo tende a scomparire in pochi giorni. La maggior parte delle persone si adatta rapidamente e qualsiasi disagio iniziale può essere gestito con farmaci da banco o rimedi casalinghi come sciacqui con acqua salata.

 

Come posso sapere quale apparecchio è il migliore per me?

La scelta dell’apparecchio ortodontico dipende da vari fattori, tra cui l’età del paziente, la gravità della malocclusione e le preferenze estetiche. Sarà l’ortodontista, dopo un’accurata valutazione, a consigliare l’opzione più adatta alle specifiche esigenze del paziente.

 

Posso mangiare tutto con l’apparecchio?

Questo varia in base al tipo di apparecchio. Con l’apparecchio fisso è consigliabile evitare cibi particolarmente duri, croccanti o appiccicosi, come caramelle gommose, pop-corn o noci. Questi alimenti potrebbero danneggiare o staccare parti dell’apparecchio, richiedendo riparazioni o regolazioni. Con l’apparecchio mobile e le mascherine trasparenti non ci sono cibi sconsigliati.

RICHIEDI VISITA
Clicca qui
NUMERO VERDE
800.97.84.97
CERCA IL CENTRO
Clicca qui


    TI CONTATTEREMO NOI
    SENZA IMPEGNO
    PER QUALSIASI INFORMAZIONE
    LASCIACI I TUOI RECAPITI







    oppure chiama

    PROBLEMI
    E SOLUZIONI

    I nostri esperti
    consigliano

    Color Skin

    Nav Mode